INIZIATIVE

Giornata Mondiale del Rene “Reni e Salute della Donna”

di Aspnat on 23/02/2018

GMR 2018

Da 13 anni nel mese di Marzo viene celebrata la Giornata Mondiale del Rene, un momento di riflessione  sulla malattia renale cronica (CKD) che colpisce circa il 7-10% degli adulti del mondo. Il suo  impatto sui pazienti e sulle loro famiglie può essere veramente pesante.
Quest’anno il focus dell’iniziativa è sulla salute delle donne e dei loro reni. ASPNAT Onlus organizza sabato 10 Marzo 2018 presso il Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo un Convegno “Reni e Salute della Donna” che vedrà quali partecipanti Medici (Area interdisciplinare), Infermieri ed Ostetriche, ossia gli operatori sanitari che si prendono cura della donna e che possono intercettare precocemente il manifestarsi delle malattie renali croniche, che in caso di gravidanza possono avere un impatto anche su generazioni future per quanto riguarda la salute dei reni. I relatori faranno l’up to date sulle patologie nefrologiche più frequenti nella donna ed una Tavola Rotonda conclusiva permetterà il confronto tra le opinioni. L’ingresso è libero per quanti interessati all’argomento.

Iscrizioni gratuite per i professionisti della salute ai fini ECM sul sito:

http://www.proeventi.it

LEGGI TUTTO

Allegati

AspnatGiornata Mondiale del Rene “Reni e Salute della Donna”

SAVE THE DATE-10 MARZO 2018

di Autore Aspnat on 19/02/2018

Il prossimo 10 Marzo 2018 presso il Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo, a supporto della Giornata Mondiale del Rene, si terrà il Convegno “Reni e Salute della Donna”. L’evento è stato accreditato presso il Ministero della Salute ed ha ottenuto 4 crediti ECM. Possono partecipare Medici di Area interdisciplinare, Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche. Tra pochissimo il programma e modalità di iscrizione.

LEGGI TUTTO
Autore AspnatSAVE THE DATE-10 MARZO 2018

Corso di Educazione Sanitaria “Il Gusto della Vita. VIVISANO” edizione 2018

di Autore Aspnat on 19/02/2018

Sono riprese le attività formative rivolte ai giovani studenti degli Istituti Superiori. Il 16 Febbraio 2018 si è svolto il primo dei 4 incontri previsti presso l’ I.S.I.S.S. “Fiani – Leccisotti” di Torremaggiore, il cui Dirigente Scolastico prof. Lamedica ha fortemente sollecitato ASPNAT Onlus a ripetere il corso già svolto lo scorso anno. Il dott. Deni Aldo Procaccini ha invitato i giovani ad “illuminare” il proprio futuro con scelte responsabili, basate sulla conoscenza e la corretta informazione, per la prevenzione delle malattie croniche ed, in particolare, di quella renale. Non sono mancati riferimenti alla salvaguardia dell’ambiente e alla necessità di istruzione per salvaguardare il patrimonio salute.

Prossimi incontri il 23 e 28 Febbraio, e giornata conclusiva il 9 Marzo.

LEGGI TUTTO
Autore AspnatCorso di Educazione Sanitaria “Il Gusto della Vita. VIVISANO” edizione 2018

CONFERENZA PRESSO LA SCUOLA MEDIA STATALE UNIFICATA ZANOTTI -GIOVANNI XXIII DI SAN SEVERO

di Autore Aspnat on 19/02/2018

Sabato 10 Febbraio presso la Scuola Media Statale Unificata Zanotti – Giovanni XXIII di San Severo, circa 90 ragazzi,  docenti e genitori hanno partecipato alla conferenza ALIMENTATION ET SPORT BIEN MANGER POUR BIEN VIVRE “La salute in gioco”. L’iniziativa è stata svolta nell’ambito di un progetto sull’alimentazione promosso dalla prof.ssa SILVANA STELLA, docente di Lingua Francese . Dopo i saluti istituzionali della Dirigente Scolastica, dott.ssa LUCIA GAETA e del dott. CORRADINO NIRO, Presidente dell’Associazione  ASPNAT Onlus di San Severo, il dott. DENI ALDO PROCACCINI, Nefrologo e MARIA ROSARIA ROSSETTI, Segretaria di ASPNAT Onlus hanno parlato ad un attento e partecipe uditorio degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile e come questi coincidano con i determinanti della salute. Non sono mancati consigli per l’alimentazione e per il corretto stile di vita.

LEGGI TUTTO

Allegati

Autore AspnatCONFERENZA PRESSO LA SCUOLA MEDIA STATALE UNIFICATA ZANOTTI -GIOVANNI XXIII DI SAN SEVERO

La prevenzione delle malattie renali: la salute si preserva anche con il gioco

di Autore Aspnat on 07/12/2017

Organizzato dal Politecnico di Torino, ASL TO3, Soges, Grifomultimedia e Fondazione Torino Wireless, il 23 novembre u.s. presso l’Auditorium Energy Center del Politecnico di Torino si è svolta una giornata dedicata ai serious games, utilizzati nell’ambito della salute. Esperti di questo settore tecnologico hanno messo a disposizione le loro conoscenze per illustrare al folto pubblico intervenuto quanto si può realizzare in sinergia con il mondo medico per il  miglioramento dello stato di salute generale della popolazione, del benessere della persona, della prevenzione delle condizioni di disagio e della riabilitazione. I lavori sono stati aperti dall’Assessore alla Sanità della Regione Piemonte dott. Antonio Saitta, che ha ritenuto lo scenario estremamente interessante, in quanto frutto del lavoro congiunto del sistema sanitario, delle imprese e del mondo della ricerca. La capacità di innovare sarà uno dei temi decisivi per la sostenibilità della sanità pubblica in futuro, pertanto, merita di essere valorizzato nei prossimi anni. Varie le applicazioni presentate: dall’impiego di un videogame di Grifomultimedia, Tako Dojo, per insegnare ai bambini diabetici ad utilizzare l’insulina per gestire la propria alimentazione e promuovere l’attività fisica, all’utilizzo della realtà virtuale nell’ambito della riabilitazione per il recupero di funzioni motorie e cognitive in soggetti con danno cerebrale, sia per gli adulti, sia per i bambini. Anche la formazione pratica degli operatori sanitari, può avvenire con la realtà virtuale, simulando gli interventi in situazioni estreme, come avviene per la medicina dei disastri.  Fra i serious games, particolare interesse ha riscosso “Cibopolis”, realizzato in collaborazione con la U.O.C. di Nefrologia, Dialisi e Trapianto dell’Università di Bari, diretta dal Prof. Loreto Gesualdo, nell’ambito di un progetto LivingLab “HELP LARGE” finanziato dalla Regione Puglia, cui ha partecipato l’Associazione per lo Studio e la Prevenzione delle Nefropatie – Alto Tavoliere (ASPNAT Onlus) di San Severo, presieduta dal dott. Corrado Niro. Si tratta di un “Alternate Reality Game (ARG)”, ossia un gioco che si svolge in parte sul web ed in parte nel modo reale e che promuove l’ educazione a corretti stili di vita per la prevenzione delle malattie croniche ed, in particolare, di quelle renali. Cibopolis è una città ideale, con case personalizzabili e dotata di Municibio, Ciblioteca, Palestra. Per ottenerne la cittadinanza e diventare un Cibopolitano, bisogna superare delle tappe, corrispondenti ai pasti principali, scegliendo correttamente gli alimenti in base a quantità e qualità, stagionalità, alternanza dei colori della salute. Per ottenere i “trofei” è necessario effettuare delle missioni nella realtà, ad esempio fare attività fisica, documentandola con un selfie o con una foto del proprio contapassi, ottenendo così una premialità. Si instaura così un meccanismo di sfida, che attraverso il divertimento, migliora le conoscenze nutrizionali, aiutando a prevenire fattori di rischio per le malattie renali legati ad errati stili di vita, quali obesità, ipertensione, diabete. I presupposti clinici sono stati evidenziati dal dott. Deni Aldo Procaccini, nefrologo e vice presidente di ASPNAT Onlus, Rosaria Rossetti ha illustrato la modalità di gioco.

LEGGI TUTTO
Autore AspnatLa prevenzione delle malattie renali: la salute si preserva anche con il gioco

Workshop N.A.T.U.Re.,a Canosa di Puglia (BT) 11/11/2017

di Autore Aspnat on 10/11/2017

I risultati finali del progetto N.A.T.U.Re.,Nuovo Approccio per le Tossine Uremiche Renali, classificatosi al primo posto nel Bando Cluster Tecnologici Regionali per l’Innovazione – Regione Puglia, saranno presentati sabato 11 Novembre 2017 in un Workshop a Canosa di Puglia (BT), presso  il “Centro studi e ricerche Sergio Fontana 1900-1982”. Ad aprire i lavori sarà Sergio Fontana, amministratore unico di Farmalabor, capofila del progetto, con un intervento su “Il progetto Nature e la sinergia tra università e impresa”. L’introduzione della giornata sarà seguita dai saluti istituzionali di Roberto Morra, sindaco di Canosa, e del Rettore dell’Università degli Studi di Bari, Antonio Felice Uricchio.

Delle innovazioni nel settore della nutraceutica parlerà Nunzio Denora, professore aggregato del dipartimento di Farmacia, Scienze del farmaco all’Università degli Studi di Bari, in particolare di “Innovazioni tecnologiche: capsule ed estratti”, invece, Massimiliano Carnassale, direttore di Federsalus, si soffermerà invece su “Health claims e regolamentazione”.

Focus sul microbiota con gli interventi di Loreto Gesualdo, Presidente della Scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Bari, Maria De Angelis, professore associato DISSPA all’Università degli Studi di Bari, Angelica Miccolis, ricercatrice di Farmalabor, e Vanessa Galleggiante, ricercatrice di Aferetica.

Partner del Progetto: Farmalabor srl, Aferetica srl, Università degli Studi di Bari,Università degli Studi del Salento, CNR-ISPA Sede di Lecce. ASPNAT Onlus ha collaborato.

LEGGI TUTTO

Allegati

Autore AspnatWorkshop N.A.T.U.Re.,a Canosa di Puglia (BT) 11/11/2017

Il Progetto N.A.T.U.Re. Dal cibo, la salute

di Autore Aspnat on 15/10/2017

Il progetto N.A.T.U.Re.,Nuovo Approccio per le Tossine Uremiche Renali, classificatosi al primo posto nel Bando Cluster Tecnologici Regionali per l’Innovazione – Regione Puglia, si pone l’obiettivo di aiutare a preservare uno stato generale di benessere e a determinare condizioni salutogeniche, per prevenire diverse patologie, tra cui la Malattia Renale Cronica e di riequilibrare le condizioni del microbiota intestinale. L’approccio è tutto green, infatti, è stato adottato un approccio naturale, non farmacologico, utilizzando un integratore alimentare simbiotico: un mix di probiotici, prebiotici e di componenti antiossidanti, ottenuti da prodotti tipici della dieta mediterranea, evitando l’uso di sostanze nocive  per la salute umana e l’ambiente. Capofila è la Farmalabor Srl, gli altri Partner sono : Aferetica Srl, l’Università degli Studi di Bari, l’ Università degli Studi del Salento CNR-ISPA – sede di Lecce. La Divisione di Nefrologia, Dialisi e Trapianto di Uniba, oltre a seguire la sperimentazione dell’integratore alimentare, ha testato un nuovo filtro per la rimozione delle tossine uremiche nei pazienti in emodialisi.

ASPNAT Onlus, a seguito dell’innovazione tecnologica che ha rivoluzionato l’approccio nutrizionale, ha curato per i Soci e per gli Utenti del sito la redazione di un piccolo glossario, disponibile in allegato, utile per impadronirsi della nuova terminologia che sempre più spesso viene utilizzata nell’ambito della nutraceutica.

LEGGI TUTTO

Allegati

Autore AspnatIl Progetto N.A.T.U.Re. Dal cibo, la salute

Quando il cibo dà senso alla vita. Cultura e Salute

di Autore Aspnat on 15/10/2017

Sai cos’è la gastrosofia? e il microbiota?

Secondo te, l’essere umano fa parte dell’ecosistema?

Conosci la differenza tra probiotico, prebiotico, simbiotico?

Hai mai sentito parlare di nutraceutica?

Se sei curioso, se tieni alla tua salute, se vuoi essere aggiornato e vuoi saperne di più, vieni il 18 Ottobre alle 19 al MAT di San Severo.

LEGGI TUTTO

Allegati

Autore AspnatQuando il cibo dà senso alla vita. Cultura e Salute

SAVE THE DATE: 18/10/2017

di Autore Aspnat on 28/09/2017

“Quando il cibo dà senso alla vita.  Cultura e Salute” è il titolo dell’evento organizzato da ASPNAT Onlus, che si terrà il prossimo 18 Ottobre 2017 alle ore 19.00 presso il Museo dell’Alto Tavoliere di San Severo.

Presto ulteriori dettagli

LEGGI TUTTO
Autore AspnatSAVE THE DATE: 18/10/2017

LA FILOSOFIA CI AIUTA A VIVERE MEGLIO E IN SALUTE

di Autore Aspnat on 16/07/2017

Il 22 Giugno u.s. un folto pubblico, interessato ed attento, ha partecipato presso il MAT di San Severo al Convegno “Complessità e dintorni”, voluto dall’ Associazione per lo Studio e Prevenzione delle Nefropatie- Alto Tavoliere (ASPNAT Onlus) e dal Centro Studi Apulia (CSA). I saluti istituzionali del Comune di San Severo sono stati rivolti dal Consigliere Antonio Stornelli, che ha poi seguito con grande interesse i lavori e dalla Direttrice del Museo dell’Alto Tavoliere, Elena Antonacci.

Il Vice-Presidente dell’ASPNAT Onlus, Deni Aldo Procaccini, ha spiegato per quale motivo due Associazioni con finalità diverse hanno trovato un trait d’union sulla tematica della complessità. La salute è un bene non solo dell’individuo, ma anche della comunità. Non è sufficiente che il singolo attui uno stile di vita corretto, seguendo sana alimentazione, svolgendo attività fisica, limitando uso di alcool, non fumando: è necessario che l’ambiente in cui vive sia salutogenico. La salute viene intesa, quindi, come un continuum, per cui è necessario focalizzare l’attenzione su cosa ‘causa’ la salute (salutogenesi) e non solo su quali sono le cause della malattia (patogenesi). Il ben-essere, individuale e collettivo, è il frutto dell’equilibrio tra i vari Determinanti della salute: comportamenti personali e stili di vita, fattori genetici; fattori sociali che possono rivelarsi un vantaggio o uno svantaggio; condizioni di vita e di lavoro; accesso ai servizi sanitari; condizioni generali socio-economiche, culturali e ambientali. È, quindi, nell’ottica del Welfare che trova motivo di essere la collaborazione con il Centro Studi Apulia, che si pone la finalità di promuovere la tutela e la difesa del territorio della Puglia e l’approfondimento di temi sociali, culturali, politici ed economici nel confronto con le Istituzioni. Parlare di complessità significa prendere in considerazione tutti gli aspetti che possono influenzare lo stato di salute del singolo e della comunità.

Giuseppe Gembillo, Professore Ordinario di Filosofia presso l’Università degli Studi di Messina e Direttore del Centro Studi della Complessità “Edgar Morin”, con un brillante excursus sulle teorie dei più importanti filosofi dall’antichità ai giorni nostri, ha illustrato l’evoluzione del pensiero fino ad arrivare al riduzionismo che ritiene un sistema complesso il risultato di una semplice somma delle sue parti, per cui si può gestire il sistema “riducendone” la considerazione a quella dei singoli costituenti. Un antiriduzionista come Werner Heisenberg, al contrario, ritiene che il tutto sia maggiore della somma delle parti, per cui vi sono proprietà “olistiche” che non possono essere descritte in termini dei puri elementi costituenti. L’oggetto osservato non può essere considerato a prescindere dall’osservatore e dal contesto. È così che si arriva alla teoria della complessità, che punta sul valore delle relazioni.

Fulvio Forino, Presidente di Rete Dedalo ’97, ideatore e coordinatore del ” Festival della complessità”, una manifestazione a carattere nazionale giunto alla sua ottava edizione, con opportuni esempi ha spiegato come conoscere le relazioni tra gli elementi del contesto, sia indispensabile per capire la realtà e saperla gestire. Questo approccio, detto “sistemico”, al processo decisionale si basa su una visione complessiva ed integrata della realtà. Di ciò devono tenere conto, innanzitutto, le Istituzioni che devono programmare ed interagire per il bene comune. Puntuale ed eccellente moderatore è stato il prof. Giancarlo Lamedica, Dirigente Scolastico dell’ISSIS “Fiani-Leccisotti” di Torremaggiore.

L’incontro, quindi, è stato un’ occasione propizia per entrare in un mondo che incuriosisce la mente e può fare bene alla salute di tutti. Più che soddisfatti i Presidenti delle due Associazioni: Corrado Niro dell’ASPNAT Onlus ed Emilio Gaeta del CSA.

http://www.dedalo97festivaldellacomplessita.it

LEGGI TUTTO

Allegati

Autore AspnatLA FILOSOFIA CI AIUTA A VIVERE MEGLIO E IN SALUTE